Suburra La Serie : Seconda Stagione

Suburra 2 La Serie

L’attesa si è finalmente conclusa, tutti i fan di Suburra hanno potuto vedere dopo tanta trepidazione il primo episodio della seconda stagione di una delle serie TV più attese del 2019. La nota serie, che già dopo la prima stagione ha appassionato tutti grazie alle vicende di personaggi come Aureliano Adami, Alberto ‘Spadino’ Anacleti e Sara Monaschi, è tornata venerdì scorso con la cosiddetta “season premiere”, visibile anch’essa su Netflix come nel caso della stagione inaugurale.

Le porte della Capitale si sono dunque riaperte per tornare ad appassionare le centinaia di migliaia di sostenitori di questa serie TV, che ancora una volta concentra buona parte delle sue energie sulla figura di Aureliano e soprattutto della sorella, scomparsa proprio alla fine della prima stagione. E a giudicare dal primo episodio della nuova annata, che troverà un seguito tra un paio di giorni con il secondo episodio, le cose iniziano a delinearsi.

Suburra 2: i dubbi di Spadino

Mentre le ricerche della sorella di Aureliano proseguono, gli altri personaggi sono alle prese con novità da tenere in seria considerazione per poter andare avanti. In particolare ci si concentra sul personaggio di Spadino, il quale continua a dare una mano al suo ‘capo’ nelle operazioni di ricerca, ma al tempo stesso sta cercando un modo per poter finalmente spiccare ed ergersi a propria volta a figura di riferimento di tutta l’organizzazione di cui fa parte.

E poi c’è la figura di Samurai, il quale in questo avvio di seconda stagione ha un solo pallino in testa: riuscire a mettere le mani sui terreni di Ostia per poter dare finalmente il via al suo traffico illegale, che può prendere piede solo grazie all’intercessione della mafia. E alla fine, Aureliano, Spadino e Samurai si ritrovano all’apparenza con l’obiettivo di trovare Livia Adami, ma con intenzioni nascoste le une dalle altre per impadronirsi della città.

Gli episodi che cambiano tutto

Ma nel corso del primo episodio di Suburra 2 ci sono tanti piccoli avvenimenti che rischiano di cambiare in maniera radicale tutto il verso della storia. C’è Spadino che sembra aver perso il controllo della famiglia Anacleti; appare la figura del nuovo cardinale che sembra riuscire a stare al di sopra da ogni situazione poco raccomandabile; Samurai viene affrontato occhi negli occhi da Amedeo Cinaglia, l’uomo della strada che tutto vede e tutto sente.

Tutte situazioni che portano alla luce il grande desiderio di libertà e di autonomia, che a sua volta diventa potere, che accomuna i tre grandi protagonisti di Suburra 2. E sempre a proposito del ruolo fondamentale che giocano le famiglie in questo avvio di seconda stagione, è proprio la famiglia Anacleti a mettersi in primo piano. Non solo per la presenza di Spadino che almeno in teoria prende la scena, ma anche e soprattutto per la moglie, sempre più ingombrante nelle logiche e nelle decisioni.

Nuovi personaggi in cerca di spazio

E tra i tanti personaggi che un ruolo ben definito ce l’hanno già e stanno cercando ancor di più di affermarsi e isolarsi, spuntano nel primo episodio di Suburra 2 due nuovi personaggi che potrebbero giocare un ruolo importante. Il primo è quello di Alex, uno spacciatore zingaro arrivato a Roma direttamente dall’Abruzzo. Il secondo è uno speaker radiofonico dal nome non ancora reso noto, che porterà alla luce dei vecchi rapporti (non si sa di che tipo) con Samurai.

Ma a far sentire sempre più forte la propria presenza è Gabriele, detto Lele, la cui figura sarà sempre più ingombrante anche nei rapporti tra Spadino e Aureliano, dove sembra riuscire a inserirsi e a mettere da parte la figura del ragazzo impaurito proprio da queste due entità all’apparenza imponenti, almeno nel corso della prima stagione.

Author: Francesco Cammuca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *