“Ciao Nonna, come stai?”

In Italia, dove sono morte più di 3.400 persone dall’esplosione del 21 febbraio, i funzionari locali si preoccupano dello stato psicologico delle persone anziane rinchiuse nelle loro case per settimane in un blocco del governo. Per quanto riguarda le cure mediche, molte sono le aziende che si occupano di assistenza domiciliare per anziani.

Il comune di San Casciano in Val di Pesa ha anche lanciato un’iniziativa denominata “Ciao Nonna, come stai?” esortando tutti i giovani della zona a chiamare parenti e anziani o anche persone anziane che non conoscono.

Una casa di cura, Nuestra Casa La Grande a Navares de Enmedio, in Spagna, ha registrato un video di 24 anziani e lo ha pubblicato su Facebook, incoraggiandosi a vicenda a dare baci alla telecamera per i loro cari parenti.

 

Jonathan Barrios, uno studente di 24 anni che vive con i suoi genitori a La Parla, a Madrid, ha detto che non osa vedere i suoi nonni, che vivono nella stessa strada. Suo nonno di 80 anni ha il cancro ai polmoni. Sua nonna, 70 anni, ha sintomi del virus – febbre, tosse e difficoltà respiratorie – ma non può essere testata a causa della carenza di kit.

“Mi sento strano e frustrato”, ha detto Barrios. “Tutto quello che posso fare per i miei nonni è chiamarli”.

L’isolamento forzato forse è più profondo per coloro che sono in lutto. Joey Ayoub, un ricercatore libanese, ha detto che suo nonno è morto questa settimana per problemi non correlati al coronavirus. Si preoccupa per sua nonna, che improvvisamente vive sola.

Solo sei o sette persone hanno partecipato al funerale di suo marito, che secondo Ayoub avrebbe altrimenti attratto “dozzine e dozzine”. Si sedettero tutti a distanza l’uno dall’altro durante un servizio frettoloso.

 

“Non può piangere correttamente”, ha detto. “Non può farlo con gli amici.”

Author: WalterW

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *